MAX MARA VOLA A MOSCA PER LA QUARTA SOSTA DELLA MOSTRA “COATS! MAX MARA, 60 ANNI DI MODA ITALIANA”


Max Mara approda a Mosca. Scelta come quarta tappa dopo Germania, il Giappone e la Cina, la mostra intitolata “Coats” giunge nella capitale russa. La mostra itinerante dedicata esclusivamente al cappotto, capo che ha segnato la storia del gruppo Max Mara. All’interno dello State Historical Museum, struttura architettonica a pinnacoli situata a nord-est della Piazza Rossa della città, la mostra verrà ospitata dal 10 ottobre 2011 sino al 10 gennaio 12.

Una location incisiva per la quarta sosta della mostra, contemporanea e storica al contempo, curata dalla storica di moda e arte Adelheid Rasche. A raccontare decade per decade la storia italiana tramite il capo must dell’azienda, il cappotto. Settanta i pezzi straordinari che hanno segnato la storia a partire dagli anni ’50 sino ad oggi. Il 101801 in cammello, il paletot bordato in pelliccia e il trench, tanto cari a Caterina la Grande . .

L’itinerario è diviso per aree che si susseguono nell’arco temporale che va dagli anni’50-’60 quando il gruppo nasce, passando per gli anni ’70 quando ci sono i primi approcci con la stampa, la creatività degli anni ’80, la fotografia degli anni ’90 che vede coinvolti importanti nomi come Richard Avedon, Sarah Moon, Steven Meisel, Craig McDean,Mario Sorrenti e David Sims sino al 2000 quando ha iniziato tutto il processo industriale.

Nella zona dedicata all’arte sono state poste installazioni e artwork “a tema”firmati da artisti contemporanei come William Wegmam e Miwa Yanagi, Valery Katsuba famoso artista di San Pietroburgo, a cui Max Mara ha commissionato per l’occasione un’opera fotografica, che raffigura la compagnia di ballo del Teatro Bolshoi in una coreografia di tutù e cappotti Max Mara.

Per questa sarà realizzato un nuovo catalogo “Coats! Max Mara, 60 anni di moda italiana” edito da Skira e curato da Adelheid Rasche, disponibile all’interno di librerie prestigiose sparse in tutto il mondo. Infine il gruppo per rendere omaggio all’ospitalità della città moscovita ha contribuito al restauro della Cattedrale di Pokrovskiy (Cattedrale di San Basilio) che appartiene alla struttura del medesimo museo.

Photo by Press Office & Text by Maria Pallotta

Annunci

Pubblicato il ottobre 13, 2011, in Eventi, Project con tag , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: