Archivi Blog

MARNI APPRODA A NEW YORK CON UNO STORE “VISIONARIO”


Consuelo Castiglioni, designer del brand italiano Marni, approda a New York con un nuovo store. Svizzera di origine, la designer da sempre nota per la sua creatività e originalità, sceglie la Grande Mela per l’apertura di una “avanguardistica” boutique estesa su circa 250 metri quadri, situata nel cuore del Meatpacking district. Lo spazio dal design “temporaneo”, sarà dedicato alle collezioni MARNI EDITION, presentate precedentemente ad Hong Kong, affiancate dalle collezioni uomo e bambino.

Etica ed estetica sono le parole chiave del mood dello store. Un’attenzione particolare rivolta alla sostenibilità e all’ecologia, argomenti che stanno a cuore al team creativo, ovviamente uniti al gusto estetico che contraddistingue il marchio. Questo grande spazio unisce due aree architettoniche pre-esistenti accomunate da un passaggio pedonale, racchiudendolo tra le due entrate. Il wallpaper, che ricopre parte di questo passaggio, è la conseguenza di video dei PASTIS, un duo artistico composto dai fratelli Marco e Saverio Lanza, invitati a filmare il “Making of” del concept del negozio nell’ufficio stile Marni a Milano. Grandi vetrate e quattro aperture nel soffitto regalano l’effetto architettonico, perchè permettono di vedere oltre lo spazio espositivo, completato da luci, incassate nel soffitto, leggere e semplici, che delineano la forma triangolare dello spazio. Il pavimento in cemento naturale crea contrasto con i tappeti grigi in PVC.

Leggi il resto di questa voce

Annunci

NIKE X UNDERCOVER GYAKUSOU PREVIEW


E’ stata presentata oggi presso lo spazio Nike Stadium a Milano la prima collezione unisex di running di Nike x Undercover Gyakusou, nata dalla collaborazione tra Nike e Jun Takahashi, fondatore e stilista della celebre casa di moda di abbigliamento giapponese Undercover. Le innovazioni ed il design d’avanguardia di Nike incontrano la funzionalità di Undercover, ampliando al massimo i livelli di precisione tecnica e di funzione intuitiva. Due anni fa, partendo con tre o quattro corse a settimana, Takahashi ha iniziato a correre, ed a vedere in breve tempo aumentare la distanza da lui percorsa. “All’inizio non la prendevo così sul serio come faccio adesso, ma più correvo e più ci prendevo gusto e di pari passo sono aumentate la mia concentrazione e determinazione. Ora corro 12 o 13 chilometri a giorni alterni. E’ una specie di meditazione per me, ma con l’aggiunta dell’adrenalina. Correre mi consente di bilanciare questi due opposti quasi come fosse una forma di zen. Ogni volta che mi trovo in viaggio per lavoro, corro ugualmente ovunque io sia. È diventato ormai parte integrante della mia vita. Devo correre”. Gyakusou nasce da un gruppo di runner di Tokyo di cui fa parte Takahashi: il nome Gyakusouviene dalla parola ‘gyaku’ che significa direzione sbagliata o marcia indietro e da ‘sou’ che vuoldire ‘corsa o correre, un riferimento al gruppo che corre in senso anti-orario mentre il resto dei runner di Tokyo corrono in senso orario nei parchi della città.

Photo & text by Chiara Zappacenere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: