Archivi Blog

I CAPPELLI DI BARBISIO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE


Barbisio, azienda di cappelli fondata nel 1862, si destreggia omaggiando il passato con un occhio al presente, proponendo creazioni per l’autunno/inverno 2012-13 che portano alta la qualità e la bandiera della tradizione, ma vantando tocchi assolutamente contemporanei. Le forme rimangono portabili senza eccessi o stranezze, ma il tentativo di innovare si evince nei colori utilizzati, che spaziano da quelli più classici ad altri più accesi.

Presso lo stand di Barbisio a Pitti Uomo la nuova tecnologia incontra la tradizione artigianale

Tendenza della nuova collezione, la tesa esterna più larga

Leggi il resto di questa voce

Pitti Uomo. Pelle e paglia per i nuovi cappelli firmati Barbisio


Sono la pelle e la paglia i materiali principali della nuova collezione Primavera/Estate 2011 firmata Barbisio. Il tipico accessorio estivo come il panama viene qui declinato in nuove linee e proporzioni, giocando sulla reinterpretazione di veri classici, dalla bombetta inglese fino al cappello da golf Anni Cinquanta.

Nella foto: Giorgio Borrione, amministratore delegato dell’azienda

Photo by: Monica Codegoni Bessi Text by: Marta Stella

“How To Make A Hat”. A morning inside..Barbisio


Una mattinata suggestiva all’interno del made in Italy fatto a cappello: fase dopo fase, Barbisio ci accompagna a scoprire la creazione dei cappelli dalla manifattura fra le più antiche in Italia. Lo stabilimento del Cappellificio Cervo di Sagliano Micca, Biella, ci ha aperto le porte per un vero e proprio viaggio all’interno dell’artigianalità più esclusiva legata ad un accessorio dalla lunga storia e tradizione. Accompagnati da Maurizio Romiti, presidente Barbisio e Giorgio Borrione, amministratore delegato Barbisio, ecco le fasi di produzione del cappello per eccellenza, da sempre contraddistinto per l’essenzialità dello stile e la competenza artigiana che ha attraversato e superato tutto il Novecento.

Text e Photo by: Marta Stella

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: