Archivi Blog

LUCE E FANTASIA PROTAGONISTE DA MISSONI HOME


La maison Missoni è stata protagonista,  la sera di lunedì 11 aprile, dell’evento  ‘Luci e Ombre’ durante il Fuorisalone, presso lo showroom MissoniHome di viale Elvezia 22.  Nello spazio è entrata in gioco soprattutto la grande presenza di luce e fantasia, sotto forma di lampadari “Bubble”, festose sfere sospese in tessuti diversi, di pouf e cuscini di ogni dimensione. Hanno inoltre creato le ombre del sottofondo i volumi e le forme delle spaziose sedute, divani dormeuse o rotondi ricoperti in tinte unite vellutate o a piccoli rilievi e in toni muschiati, che mettono in risalto i pezzi furnishing. Tutte creazioni che fanno parte della collezione Missoni Home, prodotta e distribuita da T&J Vestor.

Alessia Piovan:

Filippa Lagerback:

Vittorio Missoni e il figlio Ottavio jr:

Angela Missoni, Paolo Kessisoglu e la moglie Sabrina Donadel

Photo Courtesy by Missoni Text by Redazione

Annunci

SALONE DEL MOBILE 2011: EASTPAK E ANTOINE PETERS INSIEME PER UNA LIMITED EDITION


Lo scorso 15 aprile, durante il Salone Internazionale del Mobile 2011, Eastpack è stata protagonista di un evento tenutosi presso il quartier generale al Teatro Franco Parenti a Milano di “Elita Festival”, l’appuntamento più atteso del fuorisalone della design week di Milano con un programma internazionale di musica, arte e design orientato all’innovazione ed alla scoperta di nuovi orizzonti culturali. Qui, dalle 17, si è svolto un incontro tra il designer Antoine Peters, l’artista che ha realizzato la sua limited edition di zaini e borse per Eastpack, e gli studenti di moda e design di Milano, che hanno messo alla prova la propria creatività nella personalizzazione di un prodotto del brand, presentato durante l’evento al designer per un confronto creativo.

Inoltre, per celebrare la settimana dedicata al design, la collaborazione tra Eastpack e il giovane stilista olandese è stata presentata in Italia all’interno dell’ Elita Design week Festival 2011 con una installazione con protagonista l’ormai famoso divano “Culb Sofa 01”, prodotto da Quinze & Milan in esclusiva per il brand, per l’occasione rivestito dalla grafica di Antoine Peters, e che il pubblico ha potuto colorare a suo piacimento:

Il Culb Sofa 01, rivestito con il tessuto denim protagonista della pe 2011 di Eastpack:

Photo & Text by Monica Codegoni Bessi

SENSO PRATICO ED ESTETICO PER ARMANI/CASA


Ricerca della simmetria e dell’armonia per esprimere senso di calore e benessere unita a forme rigorose, lineari eppure morbide che conferiscono solidità, sicurezza ed eleganza: questi gli elementi alla base delle nuove proposte Armani/Casa che si sviluppano in un allestimento degli interni che rivoluziona le soluzioni tradizionali di stili e colori, diversi secondo le varie zone. Due le tipologie individuate: la casa con vocazione metropolitana, glamour, sofisticata, e la casa di villeggiatura, confortevole, con accentuato senso pratico, ricca di calore. Secondo questi codici progettuali, si scandiscono gli ambienti e le soluzioni d’arredo: la casa di città è caratterizzata da una sequenza fluida, ininterrotta, grazie all’uso rigoroso dei materiali, come l’acero tinto di scuro con finiture lucide, abbinato all’ottone e alla pergamena naturale. Divani e poltrone confortevoli, rivestiti con i preziosi tessuti della collezione Armani/Casa Exclusive Textiles by Rubelli mettono in evidenza i legni pregiati, che diventano elemento decorativo in sé. Pareti e tendaggi di lino color pergamena naturale rendono più vasti gli spazi che fanno da cornice a giochi di luce e ombra dei mobili dal forte segno grafico di acero scuro, dalla piccola scrivania all’elegante consolle con ribaltina a scomparsa:

Nella casa di vacanza invece, gli spazi ampi e accoglienti sono caratterizzati da materiali che lo stilista definisce sostanziali e dal rapporto con il paesaggio esterno che sembra entrare anche fisicamente nello spazio interno. Il colore e la tridimensionalità del legno diventano in parte anche struttura, con un effettuo “a cabina” che movimenta gli spazi, mentre la funzionalità dei mobili viene sottolineata da dettagli d’uso come la struttura d’appoggio sul lato e sul retro del divano, dalle sedute sempre molto imbottite, e dai cassetti alla base del letto. In entrambi i progetti, raffinata e sobria al tempo stesso, la proposta per il bagno Armani/Roca è impostata su elementi chiave di ciliegio affumicato o anche in rovere laccato antracite, che per semplice incastro possono comporre soluzioni di ampiezze diverse e su misura. Il tutto completato dalla collezione di tessuti d’arredo Armani/Casa Exclusive Textiles by Rubelli composta da velluti screziati, sete a intreccio per i falsi uniti, stoffe a volumi tridimensionali, a cui si aggiunge quest’anno la novità degli stampati leggeri e contemporanei.

La scrivania “Euclide” vanta un aspetto leggero grazie al top e alle cassettiere sollevate e sorrette soltanto da due gambe a nastro in metallo, posizionate centralmente sotto le cassettiere. Double-face, è stata infatti pensata per essere usata da entrambi i lati, in quanto costituita da quattro cassetti per lato con guide tradizionali in legno. Adattabile perfettamente ai diversi spazi, è ideale per uno studio ma anche per la stanza da letto poichè realizzata con tutti gli spigoli arrotondati, per un’ immagine morbida e meno rigida in contrasto con la sua base metallica squadrata. I bordi delle cassettiere sono in legno massello:

“Edel” è una poltrona con struttura ad ‘U’ che poggia a terra, dotata di gambe e braccioli in legno con tagli a 45°. Il bracciolo, largo 13 cm, è a sbalzo e gira intorno alla struttura: vista lateralmente, è fortemente delineata dalle imbottiture della seduta e dello schienale, che appaiono sospese rispetto alla struttura principale. Posteriormente un pannello in legno a vista, situato nella parte centrale, collega la base con il bracciolo e mira a rinforzare esteticamente la poltrona. La seduta morbida con schienale curvo arriva a filo dello schienale:

“Edilio” è un contenitore buffet multi-uso dalla costruzione particolare: al contrario dei consueti arredi in collezione che puntano ad avere un disegno della struttura esterna più pulito possibile, usando spesso angoli di congiunzione a 45° evitando di mostrare spessori a vista, questo mobile è progettato in modo da esaltare la propria struttura di legno massello. Il contenitore è caratterizzato da due ante scorrevoli l’una sull’altra composte da traversi in rilievo che scorrono lungo binari nascosti internamente. La parte interna è divisa in due spazi mediante una spalla centrale, entrambi con un ripiano rimovibile a metà altezza. La parte inferiore del mobile invece, è costituita da tre diversi cassetti (2 più ridotti larghi 35 cm e uno più ampio largo 74 cm) con guide tradizionali in legno. Per dare un effetto di maggiore leggerezza, l’intero mobile è rialzato di due cm attraverso un zoccolo arretrato, ed è disponibile nelle tre finiture di legno standard e in una versione più speciale con l’utilizzo di due nuovi legni a contrasto: uno per la struttura esterna, il castagno termotrattato e l’altra per l’interno, il ciliegio termotrattato:

L’ “Eiliseo” è un tavolo ideato per essere utilizzato sia come tavolo da pranzo che come scrivania di rappresentanza, riprendendo esteticamente la forma della scrivania “Diamante”, rievocando il linguaggio cubista dallo stile compatto e monolitico. Disponibile soltanto in versione rettangolare con dimensioni leggermente più elevate rispetto ad altri tavoli in collezione, è disponibile nei legni standard con il piedino in metallo in abbinamento al legno scelto, oppure in una versione più pregiata con le sole gambe in legno acero tinto nero con piedino di protezione in ottone naturale lucido e top rivestito in pergamena naturale. Date le sue elevate dimensioni, è completamente smontabile per facilitarne il trasporto:

Il divano “Esther” infine, nasce dall’idea di trasformare in divano la poltrona “Baloon” già in collezione riprendendone, a livello estetico, le stesse caratteristiche e dettagli, come il design curvo che si riflette sia nella struttura dello schienale inclinato che nella seduta costituita da 2 larghi cuscini, che formano un tutt’uno con i braccioli rotondi. Sospeso da alcuni piedini arretrati non visibili, vanta la base interamente rivestita. Due le dimensioni disponibili con un solo rivestimento nonsfoderabile di tessuto bi-elastico range Dubois (collezione Rubelli) previsto in cinque colori:

Photo Courtesy by Armani Text by Redazione

TRIONFO DI COLORI E PROFUMI PER SHISEIDO E SERGE LUTENS AL FUORISALONE


Con “Wonderline 2011 New Arte” Shiseido mette in mostra dall’8 al 17 aprile al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano un percorso completamente dedicato al colore: colore nella scienza, nelle arti, nella tecnologia, colore nei vari paesi del mondo, colore percepito dai sensi.

Ogni stanza ricrea con immagini e fotografie un diverso scenario cromatico sul quale spiccano i prodotti make up abbinati per nuance. Packaging di design e texture tecnologiche per prodotti che perdono il senso della quotidianità fino a somigliare a gioielli incastonati in un complesso contesto ispirativo.

Un ulteriore livello di conoscenza sensoriale è dato dalla presenza delle fragranze create da Serge Lutens, il creativo che per anni è stato direttore artistico della marca nipponica e in ognuna delle nove stanze racconta storie di colore ispirate alle leggende e suggestioni che hanno portato alla creazione di ogni profumo.

Photo courtesy by press office Shiseido, text by Silvia Sammarro

Brian Dales for Oniric Tableau Vivant


Ancora scatti dalla design week, quelli che hanno immortalato modelle-bambola e dandy metropolitani vestiti dalla collezione  A/I 2010-2011 firmata Brian Dales all’interno dello Spazio Estel situato nel quartiere di Brera. Un’ esclusiva vetrina, che ha ospitato inoltre le opere onirotiche dell’artista internazionale Claudia Kloss, di cui una specificamente dedicata al brand italiano intitolata “Wear a Flower and Dance under the moon”.

Stefano Calmonte e Samuele Daves

Special guest della serata, Diego dalla Palma


“The Dirty Diamond Project” by Philipp Plein & Rolling Stone


“The Dirty Diamond Project”, questo il nome dell’evento organizzato ieri in Via Bigli 4 da Philipp Plein in collaborazione con Rolling Stone per l’edizione in corso del Salone Internazionale del Mobile. Occasione inoltre per presentare la nuova collezione del giovane designer del marchio dall’anima rock nato a Monaco nel 1998.

Photo by: Monica Codegoni Bessi text by: Marta Stella

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: