Archivi Blog

IL BALLO DELLE METAMORFOSI DI SERGIO ROSSI


La collezione per l’autunno/inverno 2011-12 firmata Sergio Rossi e creata da Francesco Russo rende reale la voglia di farsi notare con un tocco di creatività in un mondo immaginario dove i sogni sono dipinti da colori intensi e protagonisti sono le falene e le maschere del Carnevale di Venezia, che si declinano in calzature in satin o pelle bicolore. Stivali fetish lasciano posto a tronchetti e sandali a pois neri, e rouches, cotillon e coccarde decorative denotano un chiaro richiamo alle atmosfere del film di Stanley Kubrick ‘Eyes wide shut’. La scarpa così si trasforma e realizza la sua metamorfosi: la decorazione si fonde con essa, così torchon, plissè maschere, spirali o pizzo in pelle adornano il sandalo da sera, il tronchetto e lo stivale. Si fa notare, inoltre, il ‘sandal boot’ in contrasto di colore antitetico bianco/nero. Per creazioni dallo spirito fortemente couture che domina e trionfa grazie all’uso di taffettà, gorgiere, cinture in velluto e gioielli appuntati sul collo del piede, e dove il nero dà forza al colore più acceso come rosa ciclamino e blu cobalto, nel preciso obiettivo di avvolgere il piede femminile, slanciare la gamba ed elevare il corpo, creando il più sensuale oggetto del desiderio.

Photo & Text by Monica Codegoni Bessi

Annunci

L’ IMPAVIDO CONDOTTIERO DARK DI ANGELOS FRENTZOS #2


Proporzioni e taglie stanno vivono nuove sensazioni nella collezione autunno/inverno 2011-12 di Angelos Frentzos, che propone per lui un guardaroba basico che diventa senza tempo. Parkas e blouson hanno volumi importanti, oversize e decostruiti in decisi richiami Mojave L’ uomo di Frentzos diventa così un impavido condottiero, e porta jersey tagliato e sovrapposto a  ripercorrere echi massonici e richiami dark, come in una fiaba gotica. La maglieria è rimodellata secondo gli standard dello sportswear dell’ Europa dell’ Est e pellicce preziose, borchiate e bollite, si accostano a sottilissimi pellami effetto garbage bags. I capi basici di jersey, delicati e familiari, escono così spavaldi da jeans gommati, in un’orda di neri e grigi che si dissolvono. Spessi gioielli in argento 925 con denti e unghie al posto di gemme preziose completano gli outfit donando il tocco finale.

Photo Courtesy of Angelos Frentzos Text by Monica Codegoni Bessi

L’ IMPAVIDO CONDOTTIERO DARK DI ANGELOS FRENTZOS #1


Proporzioni e taglie stanno vivono nuove sensazioni nella collezione autunno/inverno 2011-12 di Angelos Frentzos, che propone per lui un guardaroba basico che diventa senza tempo. Parkas e blouson hanno volumi importanti, oversize e decostruiti in decisi richiami Mojave L’ uomo di Frentzos diventa così un impavido condottiero, e porta jersey tagliato e sovrapposto a  ripercorrere echi massonici e richiami dark, come in una fiaba gotica. La maglieria è rimodellata secondo gli standard dello sportswear dell’ Europa dell’ Est e pellicce preziose, borchiate e bollite, si accostano a sottilissimi pellami effetto garbage bags. I capi basici di jersey, delicati e familiari, escono così spavaldi da jeans gommati, in un’orda di neri e grigi che si dissolvono. Spessi gioielli in argento 925 con denti e unghie al posto di gemme preziose completano gli outfit donando il tocco finale.

Photo Courtesy of Angelos Frentzos Text by Monica Codegoni Bessi

LUCIA ODESCALCHI APRE LE PORTE DELLA SUA FACTORY ORAFA


Una vera e propria factory dove creare, sperimentare ed anche confrontarsi con il pubblico. In occasione di AltaRoma Lucia Odescalchi ha aperto le porte del suo laboratorio/atelier ospitato nelle ex sale dell’archivio del palazzo di famiglia in Piazza S.S. Apostoli 81 a Roma. Un luogo all’interno del quale nascono e vengono vendute creazioni orafe di altissimo artigianato pensate per donne moderne alla ricerca di gioielli duttili da poter indossare nella vita quotidiana…

La factory di Lucia Odescalchi è ospitata all’interno di quello che sino  poco tempo fa era la sede dell’archivio ove venivano custoditi importanti documenti storici appartenenti alla famiglia

Lucia Odescalchi indossa due sue creazioni interamente realizzate a mano

Abbinamenti materici inusuali danno vita a vistosi gioielli capaci di mettere in luce le peculiarità dell’Hand Made. “Una donna per apprezzare un gioiello se lo deve godere e, quindi, mettere”. Con queste parole Lucia Odescalchi sintetizza la filosofia che guida il suo progetto

Le creazioni orafe trovano spazio in inedite teche ricavate ove sino a poco tempo fa erano conservate carte e pergamene.

Il laboratorio orafo è parte integrante della factory. E i gioielli prendono vita tra una discussione tra creativi/artigiani e la visita di una cliente

Acciaio, oro, pietre, legno, titanio, pirite… i mix materici non hanno limiti. “La vita oggi è cambiata e le persone sono alla ricerca di qualcosa di creativo ma la tempo stesso di qualcosa da poter indossare senza problemi. L’acciaio è estremamente mettibile, non è meno donante di altri metalli ed è molto glamour”.

Design, creatività, ma estrema attenzione anche alla portabilità dei singoli pezzi. E se la pietra è pesante viene bilanciata da una montatura che si appoggia sulle falangi per mantenere l’anello in perfetto equilibrio

“Il metallo suggerisce le forme, le accenna appena e proprio nelle pause, nei volumi mancanti, nelle suggestioni pieno-vuoto, nel dialogo realtà sogno, nasce l’interattività con l’immaginazione, l’armonia e il fascino del gioiello”.

… ma il punto di partenza ed il fulcro dell’intero progetto è e resta il laboratorio ove vengono plasmati passo a passo gioielli. “Tutto quello che facciamo qui è fatto prima di tutto con passione. Perché la passione è il motore della ricerca”.

Sperimentare, mixare, montare e smontare sino a quando non si raggiunge il risultato desiderato, che spesso è assolutamente diverso dall’idea iniziale. “Le creazioni orafe si disegnano, ma poi si trasformano in fase di realizzazione. E’ proprio questa la peculiarità di oggetti che nascono dal vero artigianato”.

Suggerimenti geometrici che si tendono sul corpo. Un divenire di forme e volumi tesi alla ricerca del punto d’incontro tra geometria e sinuosità, rigore e gentilezza.

Nessun limite al raggio d’azione. Ed il gioiello approda in tutta la sua trionfalità anche su preziose clutch in coccodrillo. Per accessori d’autore capaci di trasmettere l’amore, la passione e la ricerca che sta dietro ad essi. “Perché tutto è bene ricordarlo, parte sempre da una pietra più o meno preziosa che sia”….

 

 

 

 

GOTI IN SCENA A WHITE HOMME


Stile aggressivo e sapore rock per i gioielli che Goti ha portato al salone milanese White Homme, tra creazioni inusuali ed accessori dal carettere inconfondibile.

 

Photo & text by Chiara Zappacenere

STROILI ORO PRESENTA LE SUE NUOVE CREAZIONI


Oro ma non solo. La nuova collezione 2010/2011 di Stroili Oro gioca con i materiali proponendo preziosi belli ed accessibili, tra zirconi, argento, bijoux, gioielli in acciaio per lui, le intramontabili linee delle creazioni con diamanti e la collezione Sissi, realizzata in collaborazione con Swarovski’s Genuine Gemstones.

Photo & text by Chiara Zappacenere

VAN CLEEF & ARPELS FESTEGGIA IL SUO PRIMO ANNO MILANESE


Un party nella serata di ieri ha celebrato il primo anno della boutique milanese di  Van Cleef & Arpels. Un’occasione per incontrare gli estimatori della griffe e, tra una coppa di champagne e l’altra ammirare le nuove proposte della Maison. Per la prima volta è stata, infatti, svelata l’attesissima  collezione Perlèe, il lancio più importante dopo quello dell’Alhambra del 1968, ed è stata presentata la nuova spilla a clip Dessin Papillon Lycaena della collezione di Alta Gioielleria Papillons.  Realizzata in oro bianco, è costellata di granati tzavorite e di acquamarine su fondo di madreperla bianca.

La spilla a clip Dessin Papillon Lycaena

La collezione Perlèe

Photo & Text by Cristina Mello-Grand

ITS# NINE ACCESSORIES #3


Terza parte del focus dedicato agli accessori in concorso alla nona edizione di ITS#, dagli scultorei copricapi di Emma Yeo, vincitrice dello Ykk Award, ai gioielli di Kirsty Ward fino a calzature e accessori proposti da Heyoung Yun.

Emma Yeo

Emma Yeo

Emma Yeo

Progetto per lo Ykk Award di Emma Yeo

Kirsty Ward

Kirsty Ward

Kirsty Ward

Progetto per lo Ykk Award di Kirsty Ward

Heyoung Yun

Heyoung Yun

Progetto per lo Ykk Award di Heyoung Yun

Photo & text by Chiara Zappacenere

LA NUOVA COLLEZIONE B.ZERO1 BY BULGARI


Nuove e originali versioni a festeggiare il decimo anniversario di B.Zero1, collezione di gioielli di casa Bulgari. 15 nuove referenze per una riedizione moderna, contemporanea e attuale. Sempre all’insegna della grande raffinatezza ed eleganza preziosa firmata Bulgari.

Photo & Text by: Monica Codegoni Bessi

LUSSO RUSTICO PER BRUNELLO CUCINELLI


Lusso all’insegna della semplicità per la collezione donna autunno/inverno 2010-11 di Brunello Cucinelli, dove la maglia e il colore grigio in tutte le sue sfumature  giocano un ruolo chiave. Il tricot è arricchito da colli di marmotta e lavorazioni accurate;  letteralmente ”senza peso’ è foderato, zippato e bordato, utilizzato in sostituzione dell’outwear, per uscire dai canoni dei tessuti high-tech. Le volumetrie sono ampie e avvolgenti, e disegnano tuniche e silhouettes allungate da indossare con i leggings.  Ma sono gli accessori ad impreziosire la collezione, in un alternanza di metalli e pietre grezze per collane e gioielli sofisticati ma dall’aria naturale allo stesso tempo.

Photo & Text by: Monica Codegoni Bessi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: