Archivi Blog

RE/EDITION: LA MOSTRA-PROGETTO DI LIMITED/UNLIMITED IDEATA DA ALTAROMA E YOOX.COM


Una mostra in scena a Roma, presso il Palazzo della Civiltà Italiana dallo scorso 8 luglio ma anche online: è Re/Edition, la mostra-progetto speciale, anche virtuale, di Limited/Unlimited ideata da AltaRoma in collaborazione con lo store virtuale di moda e design multi-brand leader al mondo yoox.com che intende rappresentare la nuova anima della manifestazione, ovvero l’avanguardia che artigianale incontra la tradizione sartoriale dando vita alla neocouture. Roma intende così essere sempre più ponte fra passato, presente e futuro, rendendo la mostra simbolo della progettualità stessa di Altaroma, per creare un trait d’union fra le maison storiche, la contemporaneità dei giovani designer e l’universo di Internet. Obiettivo concretizzato con l’esposizione di un capo iconico di otto maison storiche reinterpretato da otto giovani designer che hanno messo a frutto la loro creatività, traducendoli in must have del presente, realizzando pezzi unici da collezione disponibili in esclusiva su yoox.com che è possibile prenotare, semplicemente dall’ iPad, o dal proprio computer, oltre ad accedere a contenuti speciali e video inediti realizzati per il progetto che vede l’opera di Albino e Alberto Fabiani, Leitmotiv e Simonetta, Max Kibardin e Albanese, Micaela Calabresi Marconi e Saddlers Union, Sara Lanzi e Albertina, Sergio Zambon e Irene Galitzine, Silvio Betterelli e André Laug, e infine Gherardini e Nicole Brundage, che afferma: “Di recente sono stata alla Gagosian Gallery di New York dove era in mostra di un artista di nome James Turell. Le sue opere esplorano le diverse possibilità di utilizzo della luce come mezzo di percezione. Mentre stavo selezionando i materiali che avrei potuto usare per la borsa di Gherardini, mi sono ricordata la mostra e ho notato un materiale, chiamato ‘Specchio’, che sembrava riflettere intensamente la luce. Ho pensato che sarebbe stato interessante fare della borsa un oggetto che richiamasse l’attenzione attraverso i suoi riflessi, sia alla luce del sole sia con la luce artificiale. Mi entusiasmava l’idea dell’argento riflettente, il più possibile simile ad uno specchio, aggiungendo anche il manico in argento. Così ho esplorato la possibilità di realizzare una borsa che interagisse con l’ambiente circostante e alle reazioni che avrebbe potuto provocare”.

Max Kibardin e Albanese:

Il capo iconico di Albanese di partenza del 1956

Il bozzetto di  Max Kibardin della creazione per Re/Edition

La scarpa di  Max Kibardin e Albanese disponibile in esclusiva su yoox.com

Leggi il resto di questa voce

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: